MA LE STELLE QUANTE SONO-Recensione dei Lettori Estinti

Ma le stelle quante sono?

Tante, troppe…

351.

***

libroBREVE TRAMA:

Carlo e Alice sono compagni di scuola: stessa classe, stessi professori e, a volte, lo stesso banco. Nei cinque anni che hanno passato assieme hanno condiviso una silenziosa amicizia, fatta di sguardi e sorrisi. Carlo è “naturalmente” imbranato senza modelli da incarnare, senza maschere. Alice è uno spirito critico e una sognatrice. Entrambi si consumano pensando all’amore, ma hanno un cuore ancora poco addestrato e – come vuole l’adolescenza – “sbagliano”.

***

Ma le stelle quante sono è un romanzo a due voci, quella di Alice e quella di Carlo che raccontano gli ultimi thumb_book-perche-si-dice-addio.330x330_q95mesi dell’ultimo anno di Liceo. Una partita di ping-pong sentimentale, con una bella ventata di romanticismo ( che non guasta mai), diretto e non sfumato, che non gira intorno al bersaglio, ma lo centra senza peli sulla lingua. Un libro a due facce, a due sessi, a due voci, per un amore solo.

***

La lettura è molto piacevole e giovanile, diretta e molto stimolante, dato il modo in cui i vari temi sono sviluppati. I personaggi sono ben delineati, non solo i protagonisti, ma anche i compagni di classe, le rispettive famiglie e i professori. Avevo già letto un altro romanzo di Giulia Carcasi, giovane scrittrice romana, e mi era entrato nel cuore; il modo in cui scrive sembra banale,ma non lo è, non è la solita storia d’amore tra compagni di classe. E’ di più, è una storia fatta di sorrisi, di sbagli, di cadute, di silenzi, di paura, di ingiustizia, di guarigione, di forza, di coraggio e infine di un amore tenero.

***hqdefault

Alice è timida, tranquilla e speranzosa. Si sente diversa, non omologata (non vuole esserlo), sa essere critica, ma in fondo è una sognatrice.

Ho sentito un legame con lei quasi fin da subito e vorrei poter prendere un po’ del suo coraggio per superare le sfide di ogni giorno e anche un po’ del suo essere spigliata.

Perchè se non mi scrivo, come posso leggermi?

Giorgio è meravigliosamente imbranato, forse un po’ ingenuo e confuso su chi essere, non si sente considerato dai compagni e nemmeno dalla famiglia. E’ un figlio abbandonato dal padre, è un figlio del mondo.

Eccoti la mia storia, senza la tua in cambio. Fa niente. Ti rispondo con la vita al silenzio.

***

Ma le stelle quante sono è un romanzo da vivere, che permette di entrare nel “meraviglioso” mondo di Alice, nella sua stanza con le citazioni scritte sul muro e in quello di Carlo, tra strane lampade magiche e i primi amori facili.  E’ un libro per ogni età, è un libro malato di ricordi, che , brutti o belli che siano, fa sempre bene rivivere.

Sarebbe bello se la vita fosse come le crepes, che puoi farcire come ti pare.

large

Lascia un commento


*